Al Superdesign Show il Salone del mobile è ONLY THE BEST

Gisella Borioli e Giulio Cappellini sono le menti del  SUPERDESIGN SHOW 2018, con una selezione che vuole valorizzare i grandi nome che stanno dietro a progetti innovativi, tendenze del lifestyle e soluzioni technologiche che ci migliorano la vita ogni giorno.

SuperStudio Più torna alla carica in questo nuovo Salone del Mobile con un Superdesign Show all’insegna della valorizzazione di grandi nomi e progetti innovativi, portando sotto le luci della ribalta paesi storicamente affermati nel design, come il Giappone, tanto quanto nuove – e capaci – leve mondiali, prima fra tutte il sorprendente Egitto.

ONLY THE BEST è infatti il nuovo manifesto programmatico dell’evento e la dice lunga sull’attenzione alle ultimissime tendenze di Gisella Borioli, responsabile di progetto e affiancata dall’art director Giulio Cappellini.

Per l’edizione 2018 sono dunque chiare le parole d’ordine: meno fiera, più museo, qualità, eccellenza e ricerca.

L’esperienza ha del sensazionale già dall’ingresso con un omaggio al Millennial Pink, il colore più usato nelle condivisioni sui Social media. Grazie ai nuovi prodotti di DesignByGemini, il brand delle designer e influencer Giulia ed   Elena Sella, l’art-box all’entrata di SuperStudio sarà il luogo della messa in scena di prodotti innovativi che parlano il linguaggio dei Social.

Il progetto capolista sarà poi indubbiamente il SuperLoft targato Cappellini: la casa che tutti vorremmo avere, con i top brand del design italiano. Un’esplorazione degli ambienti, dal living alla wellness room, dalla cucina alle camere da letto, con un’idea di abitazione di respiro internazionale – concepita come uno spazio che potrebbe stare tanto negli edifici di Parigi quanto tra le  vie di New York – e che vede la partecipazione dei più interessanti protagonisti del design Made in Italy.

Sotto l’art direction dell’architetto Giulio Ceppi avrà luogo inoltre la seconda edizione della mostra-evento di Material ConneXion e patrocinata dal Comune di Milano «Smart City: Materials, Technologies & People», che quest’anno si espanderà negli spazi e nei tempi occupando oltre 1000 metri quadri e prolungando l’accesso al pubblico fino alla Milano Food Week di metà maggio.

Rimanendo in materia di mostre, la super personale «Nendo: forms of movement» infiammerà SuperStudio e condurrà lo spettatore in un labirinto  di oltre 800 metri quadri e dieci concept, basati su un’idea di movimento che nasce dalla funzione, dal materiale o dal metodo di produzione di un oggetto. L’esposizione dello studio giapponese mostrerà non solo i prodotti finali, ma anche modelli e bozze, in un affascinante viaggio nel cuore della creazione del design.

Senza dubbio gli amanti del nipponico ameranno anche la poetica installazione Crystal Rain di Kawai in collaborazione con l’artista della luce Takahiro Matsuo: un pianoforte a coda trasparente che galleggia su uno specchio d’acqua generando a ogni nota una cascata di luce. Ugualmente degni del fascino giapponese sono Budbrand, con un progetto ispirato al tema delle Celebrations e oggetti-regalo pensati per portare gioia a chi li riceve, e Yoy, un giovanissimo e pluripremiato studio di design di Tokyo che presenterà in prima assoluta uno speaker innovativo che unisce elementi sonori e visivi.

Dal Sol Levante all’Egitto sarà poi cosa breve con The Nile Selection: un’abitazione completa con anche studio-ufficio e spazio esterno e curata, tra gli altri, da Amr Helmy Designs, Nadim, Mohm, Richie by Shoulah, Meuble El Chark – esclusivi studi egiziani di design all’insegna di un mix di DNA storico e contemporaneità.

Tra gli ONLY THE BEST figurerà a buon diritto anche il brand internazionale ad alta tecnologia e sostenibilità Dassault Systèmes con un progetto di Kengo Kuma.

Design in the Age of the Experience è un’installazione iconica che sintetizza il concetto di Design for Life, risponde al problema crescente dell’inquinamento dell’aria e propone un progetto esperienziale che sfrutti al meglio l’uso di soluzioni antinquinamento già esistenti. Ma i tipi di SuperStudio sono una fonte inesauribile di genio e creatività. Tra urban technology, lifestyle icons, mostre collettive tematiche e il concorso Discovering – un’opportunità più unica che rara per giovani talenti emergenti di farsi notare e confrontarsi con un gruppo di Expert selezionati

Tags from the story
, ,
Written By
More from Giulia Laino

SUPERDESIGN SHOW 2017: COLORE, COLORE, COLORE

Gif art, tableaux di vasi giapponesi, frontiere di smart city, rooftop di...
Read More