Amistà 33: il ristorante gourmet del Byblos Art Hotel

Amistà 33 il ristorante del Byblos Art Hotel
Byblos Art Hotel

Eravamo io Ron Arad, Philippe Starck, Marcel Wanders, Ettore Sottsass e Marina Abramovic. E poi c’erano anche Vanessa Beecroft, Alighiero Boetti, Damien Hirst, Robert Indiana, Anish Kapoor, Piero Manzoni, Takashi Murakami, Marc Quinn e Arnaldo Pomodoro. Stavamo trascorrendo un bellissimo soggiorno presso il Byblos Art Hotel Villa Amistà.

la lounge del Byblos Art Hotel
La lounge “arty” del Byblos Art Hotel

Cioè io ero ospite e loro permanenti presenze di quello che può considerarsi un inimitabile hotel-museo d’arte contemporanea e design.

Sul filo conduttore dell’arte e della sua bellezza, godevamo dell’eccellenza culinaria del Ristorante Amistà 33, ripercorrendo il tema della grande cucina italiana guidati dalla mano solida e dall’esperienza dello chef Marco Perez. Fiore all’occhiello del suo percorso gastronomico il menu Magia presentatoci in anteprima – dove tra divertenti suggestioni che rimandano al mondo delle favole e intriganti accostamenti, realizza la sua estasi gourmet.

ll fagiolo magico, l’uovo d’oro e l’ostrica (crema di fagioli, ostrica, uovo e oro), Barbablù e Barbabietola, e la seppia innamorata (risotto e barbabietola, una seppia in rosa e una seppia in blu) e Alice…eat me (biscotto ai lamponi e cioccolato) tra i piatti più “magici”, ça va sans dire, della degustazione.

Ornella Vanoni nazionale mi avrebbe invidiato tantissimo.

Amistà 33 il ristorante del Byblos Art Hotel
Amistà 33 il ristorante del Byblos Art Hotel


Amistà 33 @ Byblos Art Hotel Villa Amistà  

Via Cedrare, 78, Corrubbio di Negarine

Verona

 

LEGGI L'ULTIMO NUMERO

DOVE TROVARE URBAN MAGAZINE