La libertà, lo stile, il modo di cambiare le cose per Cali Thornhill DeWitt

Cali-Thornhill-DeWitt-Darryl-Curtains-Jackson-Converse-Gabriele-Casaccia-Slam-Jam-Silence-Gets-You-Nothing-capsule-collection-collaborazione-ivan-grianti-copertina

Artista, designer, fotografo, regista e blogger. Vive a Los Angeles dove ha fondato l’etichetta indipendente Teenage Teardrops e da ragazzino era il baby sitter di Fraces Bean Cobain, figlia di Kurt. Converse lo ha scelto per creare una capsule di 17 pezzi e lui ci ha detto che:<<Quando diventi chi tu vuoi essere e mantieni la tua identità automaticamente puoi avere un’espressione creativa che ti rappresenti e con lei un pensiero provocatorio>>.

<<Lo stile è un concetto di ampia applicazione. Utilizzato nel campo delle arti e delle lettere, oltre che nella moda, nell’architettura, nel disegno industriale e nei fenomeni sociali>>. Questa la definizione secondo Wikipedia. Ma esiste un concetto che possa darne un’unica applicazione? Si, quello espresso tramite la nuova collezione di Converse, in collaborazione con Cali Thornhill DeWitt, il tutto fare dell’arte, come lo definirei per i suoi molteplici ruoli assunti, al fine di fornire in modo significativo e decisivo utilità, creatività e libertà di espressione.

Un nuovo posizionamento quindi per Converse, che segna anche il mondo dell’abbigliamento per una capsule di 17 pezzi e un nuovo posizionamento del Noi, a sostegno delle convinzioni e dei valori degli altri. Il nome della collezione? Your Silence Gets You Nothing. Abbiamo intervistato Cali al fine di capire la sua verità a riguardo.


Come ti definisci professionalmente?

Un’artista.

Cali DeWitt in una parola?

Maleducato.

 

LEGGI L'ULTIMO NUMERO

DOVE TROVARE URBAN MAGAZINE

 

Davvero?

Probabilmente.

Perché Converse?

Perché è una potenza mondiale. Fa parte della mia vita da quando ero bambino, ho indossato le mie prime Converse a 10 anni. E’ moda, società, cultura, rivoluzione. Un classico, e ci si sente sempre a casa a lavorare con un pezzo di storia.

Secondo te, come possono i ragazzi di oggi rompere il silenzio?

Facendo la differenza e cercando di portare positività nelle nostre vite invece della negatività. Bisognerebbe cercare di cambiare le cose, comportandosi bene e circondandosi di persone che ci migliorino le giornate. O magari migliorandole noi agli altri. Contano i modi con i quali ognuno si rapporta con il mondo. Facendo questo si può rompere il silenzio e cambiare un sistema.

Se ti dico “libertà”?

Rispondo sicurezza. Per me le persone libere sono quelle che sanno chi sono, chi vogliono essere e hanno il coraggio di esserlo davvero all’interno della loro vita. Mi ispirano molto le persone così. Io personalmente sono sempre alla ricerca di nuovi modi per essere più libero. Lo sono già, ma ne voglio sempre di più, anche per poterla condividere con gli altri. Purtroppo però il mondo è facilmente influenzabile, si preoccupa troppo del pensiero che potrebbero avere gli altri.

 

Cosa rappresentano provocazione e espressione creativa?

Rappresentano anch’esse sicurezza e libertà. Sono le sfide più grandi della vita. Quando diventi chi tu vuoi essere e mantieni la tua identità automaticamente puoi avere un’espressione creativa che ti rappresenti e con lei un pensiero provocatorio.

In cosa questa collaborazione fa la differenza?

Questa collaborazione è più un’amicizia, una comunicazione tra due realtà. Non c’è stata nessuna pressione nella realizzazione, non ci sono stati conflitti ne da parte mia e ne da parte di Converse. Le cose devono proseguire sempre spontaneamente, altrimenti non vale la pena che esistano.

Tags from the story