What The Smell! Calvin Klein – One Gold

 

Se il mattino ha l’oro in bocca, questo Mattino deve essere un signore anziano con qualche capsula (appunto) d’oro.
Profumo molto indossabile che ha il merito di partire antico e di stupirci diventando più giovane sul finire.

Inizio molto unisex (bene), e molto pregevole, per un profumo super anni ’80 e super trasparente, è questa la novità? Certamente no, ma l’uso di molecole qui è ben calibrato e il profumo sembra fuor di dubbio remoto e prezioso.

Le coordinate fornite dal brand ci invogliano a uscire dalla mischia, tuttavia ci si ritrova presto dal dentista e se ne esce con un sorriso “lussuoso”. Va bene, lasciamo perdere la rotta fornita dal produttore e analizziamo un po’ la fragranza. Non sa di un fico, nel senso che se il fico è indicato come motivo dominante, lasciamolo pure diventare secco, altrove. Piuttosto in testa governano sensazioni floreali anestetizzanti, con una dose massiccia di armadio chiuso da anni: tra note di violetta e gelsomino si materializza il dopobarba che usava tuo nonno, e la famosa “cera” idratante di cui odorava tua nonna. Superate le legnosità iniziali del cyclohexanone, il kephalis raggiunge il suo apice mischiandosi a bassi volumi canforati di salvia per morire nella flebile ruvidezza acerba del bergamotto, sino alla vaniglia, vaniglia, vaniglia

 

LEGGI L'ULTIMO NUMERO

DOVE TROVARE URBAN MAGAZINE

 

La cosa che mi piace di questa fragranza vale più dell’oro, anzi è unica! Forse per questo il nome del profumo è proprio One Gold: la sensazione di essere in gita con i nonni, entrambi: il vetiver “mai dubbi” di lui, la vaniglia “mai domande” di lei e poche effusioni d’amore al patchouli.
La bottiglia “splash” è molto meno che elegante, ma per fortuna è kitsch, per via di quel suo tappo a vite (lo spray è a parte) un po’ seriale che vale sicuramente meno di un grammo d’oro, e forse più di un grammo di riso. Poi c’è quella colatura molto golden (retriever)!

Spruzzatore ben calibrato e affidabile; persistenza di circa sei ore, prima di un sillage monocorde, ma moderno.
A un certo punto il nonno dice: «Un gentiluomo non si circonda mai d’oro, ma di occasioni per procurarselo!»
E la nonna risponde: «Sono sinceramente convinta che Marilyn Monroe si tinga i capelli!»

Non è tutto oro quello che luccica! Ma va? Eppur si muove… Te lo dicevo io! Caspita!

YOUR AMAZING GHOST IN THE SMELL, ANGELO ORAZIO PREGONI