I Future Islands tornano con il nuovo album The Far Field puntando al grande pubblico

future islands
Future Islands by Tom Hines

I Future Islands il pubblico se lo sono guadagnato alla vecchia maniera: facendo belle canzoni e bei dischi,  curati artigianalmente nei particolari e portandoli in giro con tour e concerti altrettanto ricchi di dedizione, dei quali era certo solo l’inizio, ma mai la fine.

Al quinto disco di inediti e a quasi tre anni dal successone di Singles il trio di Baltimora mantiene la rotta e non mostra segni di cambiamento, nonostante la recente crescita esponenziale di audience e notorietà (merito anche di una esibizione nel 2014 da David Letterman, passata alla storia per la loro performance parecchio vivace, ai limiti del posseduto).

future islands
L’artwork di The Far Field (4AD Records) nuovo album dei Future Islands

Già al primo play The Far Field è un potenziale colpo di fulmine per i fan e gli amanti del synth pop: si parte con Aladdyn, primo gioiellino che mette in mostra il marchio di fabbrica dei Future Island: cassa incalzante, giri di basso in faccia e melodie sintetizzate che restano subito in testa.

Con Sam Herring e la sua voce ingrugnita che non si fa mai desiderare, costantemente in primo piano com’è giusto che sia. Per tutto il resto dell’album la sensazione è quella che ogni pezzo sia il potenziale prossimo singolo per le radio, cosa che con tutta probabilità, e conoscendo minimamente la storia della band, è tutt’altro che cercata o pensata a tavolino.

 

LEGGI L'ULTIMO NUMERO

DOVE TROVARE URBAN MAGAZINE

 

Basta pescare dal mazzo, e Ran ha lo stesso tiro e la stessa presa della già famosa Cave, di North Star col suo incedere un po’ tribale, e della stessa Black Rose, che ha l’unico neo di comunicare che il disco è finito.