“Fratelli d’Anima”

marchiaturificio milano tatto lab
marchiaturificio milano tatto lab

Quasi casuale, in un giorno qualunque di qualche tempo fa, durante la bella stagione, come fosse stato predestinato dagli eventi, questo è stato il nostro incontro.

È in un giorno qualsiasi dell’anno, da un invito ad una cena tra colleghi, che ci incontriamo per la prima volta.

È bastato incrociare le idee, condividere i pensieri, che è nata l’idea, forte come un’esigenza, di dare vita ad un progetto comune, il Marchiaturificio Milano, situato nel cuore perduto di Milano, a pochi passi dal Duomo.

È il nostro laboratorio del simbolo, un luogo di culto del tatuaggio, un confessionale urbano, dove tradurre le storie in simboli, in marchi sulla pelle, in tatuaggi.

Io e Nicolai, fratelli di due mondi diversi, di due culture distanti, eppure entrambi ci siamo scoperti simili nel vivere questa antica quanto misteriosa pratica del tatuare.

marchiaturificio milano tatto lab
Nicolai Lilin e Carlotta Monni

Una Milanese fra tante e un Siberiano come ce n’è uno su un milione.

Cosa potranno mai avere in comune? Mi sono sempre chiesta…

La vocazione per il tatuaggio, quello vero, quello che parla attraverso i simboli, quello sofferto, quello che poi non te ne pentirai mai.

 

LEGGI L'ULTIMO NUMERO

DOVE TROVARE URBAN MAGAZINE

 

Il nostro incontro è stato come scoprire un linguaggio universale, ci siamo immedesimati l’uno nell altro, come tatuatori, come chi cerca di dare un senso a quello che altrimenti sarebbe solo muto disegno, di dare una mano alle persone che si affidano a noi, per tradurre su pelle la loro storia personale.

marchiaturificio milano tatto lab

Le persone da noi si confessano, si aprono e si affidano.

Fare il tatuatore per noi è molto di piu che riprodurre in modo tecnicamente perfetto un immagine su pelle.

Qui da noi tatuare ha poco a che fare con la sola estetica, entrambi iniziamo a tatuare nel momento in cui ascoltiamo per la prima volta la storia dei nostri clienti, iniziamo a disegnare con la mente prima che sulla carta, prima di tutto.

Per anni abbiamo operato nella stessa maniera, inconsapevoli l’uno dell’altra…finché le nostre esistenze si sono incrociate e hanno trovato la propria dimensione, come una seconda casa.

marchiaturificio milano tatto lab

 

Photo credits: Diego Mayon