WHITE STREET MARKET: Il nuovo format dedicato al mondo sportwear e streetwear

White lancia e propone un format tutto nuovo dedicato al mondo sportswear e streetwear. In occasione di WHITE MAN & WOMAN, arriva la novità di quest’anno, WHITE STREET MARKET, che vede il suo debutto all’ Ex Ansaldo / Base in Via Tortona 54.

Così nasce il primo Festival di Fashion e Street Culture che accoglierà buyer provenienti da tutto il mondo e pubblico di consumatori, a cui poter vendere direttamente i prodotti.

Una grande occasione per le aziende partecipanti tra cui compaiono adidas Originals, Sergio Tacchini, G-Shock, in una iniziativa che racchiude collezioni, workshop, mostre ed eventi musicali. Questo innovativo format è stato pensato e creato da WHITE insieme a due importanti rappresentanti del mondo streetwear.

Paolo Ruffato, fondatore dell’agenzia di PR più prestigiosa in ambito street&fashion, la Probeat Agency e Walter D’Aprile, Cofounder & CEO di nss factory, agenzia digital media che si occupa di street sport & fashion.

 

LEGGI L'ULTIMO NUMERO

DOVE TROVARE URBAN MAGAZINE

 

Obiettivo principale di White Street Market è quello di coinvolgere brand differenti tra loro, affiancando grandi aziende con realtà indipendenti, riconquistando l’interesse di marchi che si erano allontanati dai trade show, come Adidas Originals, Patagonia e Gabber Eleganza.

Il format è stato pensato per creare un rapporto diretto con la città e i suoi abitanti, offrendo alla moda e alla tradizionale Fashion Week uno strumento comunicativo efficace e istantaneo.

Come spiega Paolo Ruffato, White Street Market può considerarsi un’evoluzione della classica fiera, dove si creano interazioni tra buyer e consumatori per una esperienza culturale completa che vede fondersi arte, food, moda e talk.

A sostenere l’idea di una partecipazione attiva della città, è stata fatta una selezione di partner come Club to Club, festival italiano di musica elettronica che si occuperà del sound design dell’evento, coinvolgendo artisti internazionali.

Numerosi sono anche gli happening, dalla collaborazione con Ricky Powell per le mostre fotografiche, all’asta di beneficenza organizzata con Ground Zero Project by Massimo Sabbadin – Bad Spirit, il cui ricavato verrà destinato alla Onlus Piccolo Principe.

I temi conduttori e ricorrenti di questo primo appuntamento con White Street Market sono due, subculture e sostenibilità. Il primo concetto racchiude e celebra l’unione di gruppi di persone collegate da una stessa passione.

L’idea è quella di rappresentare la storia delle subculture emblema della storia e ciò che hanno evocato nelle persone che ne hanno fatto parte. A rafforzare il tema, la mostra “ WITHIN THE SUBCULTURES” by GETTY IMAGES con una esposizione di esclusive immagini degli Archivi Getty Images. Un viaggio tra le varie subculture dal Punk ai Mods ai Teddy Boys e gli Skater.

Secondo motivo conduttore è quello della sostenibilità; tra i protagonisti di questa realtà non può mancare Patagonia, da sempre attivo sulla salvaguardia dell’ambiente.

Il brand, infatti, presenterà la sua campagna Blue Heart, un talk e una raccolta firme per proteggere la regione balcanica dai 3000 progetti idroelettrici che porterebbero un grande disastro ambientale.

A supportare la campagna anche gli hashtag #SaveTheBlueHeart e #TheDamTruth. Segue la filosofia della sostenibilità anche WRAD, marchio green che trae nome dal suo fondatore Matteo Wrad e che presenterà in Tortona 27, in esclusiva internazionale, la Mint Fiber, fibra ricavata dalla menta.

Sono molti i sostenitori del progetto WSM; Radio Deejay per la parte radiofonica e digitale, Rolling Stone con reportage dedicati e Video Games Party che sarà presente con una gaming area volta a divertire e intrattenere il pubblico.

E infine NABA – Nuova Accademia di Belle Arti lunedì 18 giugno organizzerà un evento didattico di formazione, con la possibilità, per gli studenti di Fashion Design di imparare dai grandi nomi della moda ad organizzare il proprio brand. Cogliendo l’occasione, inoltre, gli studenti dei corsi di Fashion and Textile Design potranno indossare i capi delle loro collezioni, realizzate durante l’anno accademico.

Un evento imperdibile, rivolto ad un pubblico non solo settoriale, per una esperienza sportswear e streetwear ricca di sorprese!