PRADIDAS: LA COLLABO E’ UFFICIALE.

Prada x adidas
Prada annuncia ufficialmente la collaborazione con Adidas. Previsto il primo lancio di due modelli di sneakers interamente made in Italy a dicembre 2019

Prada non sta vivendo un momento bellissimo, nessuno lo dice, ma da quando Manuela Pavesi purtroppo è morta, la Signora Prada, che con la Pavesi aveva un legame che andava oltre ogni cosa, è come se si fosse persa, come se non sapesse più che strada prendere e così ha dato vita a collezioni messe in piedi per riempire i negozi e per non farsi sgridare da Bertelli, ceo dell’azienda.

Ora, nel periodo in cui le aziende di moda fanno collaborazioni anche col panettiere di fiducia, ecco che Prada sceglie il marchio tedesco (sarà un caso?!?) per una capsule che dovrebbe uscire per dicembre.

Nel comunicato si legge che i due brand hanno unito le loro forze per dar vita a un nuovo percorso collaborativo con lo scopo di esplorare gli aspetti legati alla tradizione, alla tecnologia e all’innovazione, sfidando le convenzioni attraverso strategie inaspettate.

La nuova visione trae ispirazione dal prestigioso passato di entrambi i marchi, sfruttandone le competenze tecnologiche per riprogettare e innovare icone senza tempo.

Il percorso dinamico ed evolutivo procederà per traguardi, segnando un radicale allontanamento dagli schemi finora conosciuti, ma rimarrà al contempo ancorato al solido patrimonio di ciascun marchio attraverso la condivisione di approcci e obiettivi. 

Ma cerchiamo di capire meglio.

Quando a settembre Miuccia presentò due sneakers caratterizzate da una tomaia in maglia attraversata nella sua lunghezza dal logo del brand a contrasto, furono in molti a vedere una somiglianza anche troppo evidente con una delle silhouette simbolo di Adidas Originals, la Hu NMD.

Prada x Adidas

Quella scarpa fu disponibile per poco tempo in un pop-up store di Tokyo e molto presto anche gli ossessionati di sneakers più attenti se ne scordarono.

a colpo d’occhio Prada e Adidas non potrebbero sembrare più distanti, sia per estetica che per target ma un vero punto di incontro potrebbe esistere, e verosimilmente potrebbe trattarsi della sostenibilità.

Parallelamente negli ultimi anni entrambi i marchi hanno infatti riservato sempre maggior attenzione a questa tematica, introducendo azioni concrete nella loro produzione.

Da più di un anno Adidas collabora con l’associazione ambientalista Parley for the Oceans, con cui ha realizzato tre modelli di sneaker sostenibili realizzate con bottiglie di plastica riciclate: UltraBoost Parley, UltraBoost X Parley e UltraBoost Uncaged Parley.

In un solo anno sono state vendute oltre un milione di queste sneaker, e non sono noccioline.

Dal canto suo Prada, dopo aver annunciato  lo stop all’uso delle pellicce, ha deciso di concentrarsi sul suo tessuto per eccellenza, il nylon: oltre all’impegno ad utilizzare solo nylon rigenerato a partire dal 2021, Miuccia ha presentato Re-Nylon, una capsule composta da sei modelli classici di accessori per l’uomo e la donna tutti eco-friendly e contraddistinti da una reinterpretazione originale del logo del marchio.

Il dialogo tra i due brand potrebbe dunque partire proprio da questo terreno comune, cercando di trovare una sintesi equilibrata tra estetiche diverse ma accomunate da una forte attenzione verso le tematiche ambientali. (che noia).

Ad ogni modo Miuccia Prada ci ha insegnato che da lei non bisogna mai aspettarsi niente, perché la sua visione sovversiva della moda, della società e del lusso ci ha portato a riflettere su quello che indossiamo nel momento che stiamo vivendo. Forse per questo la collabo con Adidas, arriva come un fulmine a ciel sereno.

Seppur Prada e Adidas (PARE) abbiano molte cose in comune, non sono del tutto convinto su questa “unione” vuoi perché Prada per me rappresenta l’inarrivabile, o forse perché Adidas, nonostante abbia una storia e un archivio immenso, per me rimane una tuta a righe.

Tags from the story
, , ,
More from Giuseppe Di Rosalia

GOLA’S LOCOS 27: NOI FACCIAMO MUSICA NON SIAMO UNA GANG.

In Via Gola non c'è solo lo schifo di cui tutti parlano...
Read More