Il Glitter Club comincia adesso!

Glitter Club Milan
The Glitz Girlz Show

I diciotto anni del Glitter Club, il sabato sera più delirante di Milano, raccontato dai suoi fondatori

«Oh Deborah» canta Jarvis Cocker, «ti ricordi? Casa tua era davvero piccola, col truciolato sulle pareti». Una voce dal microfono sentenzia: «Il Glitter comincia adesso», le luci stroboscopiche s’interrompono, i faretti cambiano colore, cambia la musica; e su un piccolo palco al lato del dj compare Lalla Bittch: ora è Jessica Rabbit, ora Jessica Fletcher; è Lady Gaga, Patty Pravo, Emma Marrone. La seguono le Glitz Girlz: tre, quattro, cinque ragazze «interpreti di un ruolo o semplicemente corpi su cui appoggiare parrucche e lustrini». Certe volte la spuntano uno o due maschi, (i Glitz Boyz), mettono in scena incontri di wrestling femminile, cantano Senza Fine in abito da sera o ballano fedelmente Madonna. Reinterpretano video pop, che sia pop del 76 o del 2016, a metà strada tra il lip-syncing di Gloria Viagra e le performance figlie della fan-fiction in Super 8 e di MySpace, tra il cabaret e la discotheque – un po’ glam un po’ camp.

Glitter Club Milano
Glitz Boyz & Girlz

Le Glitz Girlz sono un’arte basata sull’inesattezza della rappresentazione; «un progetto serio, anche se viene percepito molto diversamente. Sono pochi quelli che le apprezzano».

Eppure per scorgere il palco bisogna sgomitare tra gli avambracci che reggono i cellulari. Due spettacoli a notte, ogni sabato notte; prima, dopo e durante: la musica di Marco Cresci/dj412: dance-pop che si scopre solo facendo Shazam. E ecco che le luci ritornano stroboscopiche e in una casa davvero piccola, con le pareti senza trucioli ma pieni di moquette, «il Glitter comincia adesso»: fatto di berretti al contrario, infiniti bicchieri, molte barbe e qualche canottiera. Nato nel 1999 in quel che era il Cafè Dalì, dopo un tour geografico e anagrafico è ora approdato in Via Torino 64, sempre a Milano, col nome di Moana by Glitter: il più possibile vicino al Duomo, come quando, vent’anni fa, «i CD si andava a comprarli a Londra e le foto venivano scattate in pellicola». Fabrizio Ferrini e Giuseppe Magistro, creatori di Hunter Magazine e fondatori del Glitter, sono tutt’oggi le menti dietro e davanti a quel palco: «Direttori artistici? Preferisco che si parli di un collettivo» risponde Fabrizio.

The glitz Girlz

In questi diciotto anni si sono susseguiti altrettanti nomi, cinque location, qualche performer – ma la formula è rimasta la stessa, e anche il team dietro alle quinte.

Siamo un gruppo di amici prima di essere “delle persone che organizzano feste”, l’autenticità del nostro rapporto è il motivo per cui la squadra non cambia. Tutto ciò che si stacca dall’albero o è pronto per essere mangiato oppure è marcio, quindi…
Cosa trovi nel Glitter del 2017 di diverso da quello del ‘99?
Sono passati quasi vent’anni, e il Glitter è uno specchio dei tempi, quindi direi: tutto.
Qual è la difficoltà del mantenere vivo un club per così tanto tempo, e in mezzo ad altre serate?
Nessuna, non è un business. Finché non ci costa troppa fatica e ci divertiamo, la festa va avanti; quando diventerà complicato o noioso la lasceremo andare.
Alla fine degli anni Novanta avete inventato a una nuova serata per il sabato di Milano: era la discoteca che mancava oppure quella che avreste frequentato voi per primi?
Creare la propria discoteca ha come primo vantaggio quello del bere gratis. Il Glitter nasce da questa esigenza.
Da subito sono state Glitz Girlz: sono serviti più di dieci anni per arrivare ai Boyz. Eppure vi rivolgete a un target maschile…
Il Glitter non ha una connotazione di genere, la scelta delle ragazze è semplicemente più funzionale alla messa in scena. Quando abbiamo trovato una chiave di lettura dello stesso immaginario anche al maschile abbiamo aggiunto qualche uomo, ma di base chi lavora al Glitter potrebbe essere come quei manga senza capezzoli e senza genitali: il sesso, come tutto il resto, viene semplicemente citato, non approfondito.
Un giorno tutto questo finirà?
Abbiamo tutti un lavoro di giorno e seguiamo altri progetti paralleli altrettanto stimolanti; al momento viviamo la giornata completa, dalla mattina alla notte. Se il Glitter dovesse finire andremo semplicemente a letto prima il sabato.
Mr.Mirage
Written By
More from Luca Fontò

Come lo zucchero per le fragole

Nel 2014 il fotografo e regista Dario Albertini scrive, dirige, monta e...
Read More