Come la modernità di Miguel de Cervantes ispira gli artisti di oggi

Jonathan Pryce stars in Terry Gilliam’s The Man Who Killed Don Quixote
Jonathan Pryce nel film di Terry Gilliam’s "The Man Who Killed Don Quixote"
Tra gli scrittori che hanno ispirato altri artisti spicca Miguel de Cervantes, personaggio dalla vita avventurosa a cui si deve la nascita del romanzo moderno.

Il mondo della letteratura è da sempre un grande bacino d’ispirazione per gli artisti, che possono trovare nelle parole di autori morti anche secoli fa esperienze ed emozioni a loro vicine.

Non bisogna quindi stupirsi se classici come 1984 hanno ispirato l’album Diamond Dogs di David Bowie, come racconta un articolo della rivista online Auralcrave, o se i preraffaelliti hanno attinto a piene mani dalla letteratura medievale e dalle opere di Shakespeare per dipingere alcuni dei quadri più belli. Tra gli scrittori che hanno ispirato altri artisti spicca Miguel de Cervantes, personaggio dalla vita avventurosa a cui si deve la nascita del romanzo moderno.

Un uomo internazionale e moderno

Dimentichiamoci il tipico intellettuale tutto libri e studio: l’attrattiva di Cervantes sta proprio nel modo in cui questo autore ha distrutto tutti gli stereotipi vivendo una vita avventurosa da giramondo. Scappando dalla legge della nativa Spagna, Cervantes si trasferì in giovane età in Italia, per poi arruolarsi nella marina spagnola combattendo contro l’Impero Ottomano. Durante il periodo della sua carriera militare visitò il nord Africa e tutto il bacino del Mediterraneo e quando decise di tornare a vivere in Spagna la vita non fu però più noiosa: continuò ad avere problemi con la legge, dopo accuse di truffa, e provò anche a imbarcarsi per il nuovo mondo.

Fu proprio questa vita avventurosa e a stretto contatto con la crudezza del mondo che lo portò ad avere una visione estremamente moderna della letteratura e degli ideali del suo tempo e che gli fece comporre la sua opera più famosa, il Don Chisciotte della Mancia, edito oggi dalla casa editrice italiana Bompiani, che rappresenta la morte degli ideali della cavalleria. Cervantes è però l’autore di novelle meno conosciute ma altrettanto moderne, che segnalano l’avvicinarsi della sua epoca alla nostra anche per l’utilizzo di protagonisti che potrebbero oggi essere definiti antieroi, facenti parte di classi sociali basse e dai fini non sempre onesti.

Né è l’esempio la novella Rinconete y Cortadillo, in cui anche è presente il primo riferimento letterario al gioco del blackjack o ventuno, nome derivante proprio dall’obiettivo del gioco che, come spiegato in un approfondimento di Betway Casinò, è quello di avvicinarsi il più possibile al 21 senza superarlo, chiamando le carte, raddoppiando o dividendo la propria mano. I protagonisti di questa novella, infatti, come specificato in un articolo di Mangialibri, altro non sono che due ragazzi alle prese con il vagabondaggio e piccoli furti: due personaggi decisamente anticonvenzionali.

“All sorrows are less with bread. ”- Miguel de Cervantes Saavedra

L’amore degli artisti per Cervantes

È però la sua opera più celebre, il Don Chisciotte della Mancia, ad avere ispirato la maggior parte degli artisti di oggi e di ieri, tra cui pittori come Picasso e Dalì, e ad aver donato a Cervantes il titolo di padre della lingua spagnola. Negli anni recenti opere ispirate a Cervantes sono apparse anche al cinema, come nel caso del film L’uomo che uccise Don Chisciotte di Terry Gilliam, distribuito in Italia da M2 Pictures e incentrato sulle vicende di Toby Grisoni, un regista alle prese con la produzione di uno spot pubblicitario a tema Don Chisciotte.

È però soprattutto il mondo della musica ad avere tratto ispirazione dalle opere di Cervantes. La pianista brasiliana Eliane Elias ha registrato nel 2018 l’album jazz Musica from Man of La Mancha, le cui nove tracce sono tutte ispirate al romanzo. Anche il metal ha avuto la sua dose di Don Chisciotte grazie al gruppo spagnolo Mägo de Oz che nel 1998 ha prodotto sotto l’etichetta Locomotive Music l’album La Leyenda de la Mancha raccontando in musica una versione moderna delle avventure di Don Chisciotte. La musica italiana non è da meno e ha offerto il suo tributo a Cervantes grazie a cantautori come Francesco Guccini, Ivano Fossati e Carmen Consoli, che hanno dedicato all’opera almeno un brano a testa: la settimana canzone di Stagioni di Guccini, Canzone di Alonso Chisciano di Fossati e Mulini a vento di Carmen Consoli.

Jonathan Pryce stars in Terry Gilliam’s The Man Who Killed Don Quixote
Jonathan Pryce nel film di Terry Gilliam’s “The Man Who Killed Don Quixote”

La letteratura ha quel magico dono di unire scrittori e lettori attraverso i secoli. Quando le opere sono particolarmente moderne, come nel caso di quelle di Cervantes, gli artisti di oggi possono trarne ispirazione per creare film e comporre musica dai temi ancora attuali.

Written By
More from Redazione

Piano City Palermo: le strade della città diventano palcoscenico

Dal 27 al 29 settembre 2019 torna Piano City Palermo: la città...
Read More