Cameron Avery fondatore degli australiani Pond, pubblica il suo primo album solita

Cameron-Avery-2017

Cameron Avery non ama le pause, e su questo non ci piove. Da tempo pilastro della scena psych australiana e co-fondatore dei Pond e di diversi altri progetti, nonché bassista in pianta stabile dei Tame Impala, non vuol proprio saperne di fermarsi.

Cameron-Avery-2017

Tanto che tra un disco e l’altro ha trovato il tempo non solo di partecipare ai tour mondiali di amici come The Horrors e The Last Shadow Puppets, ma anche di uscirsene col primo disco solista.

Ed è proprio dalla band di Alex Turner e Miles Kane, un progetto anch’esso che omaggia una certa corrente melodica anni ‘50 e ‘60, che sembrerebbe venire l’influenza maggiore di questo Ripe Dreams, Pipe Dreams.

Niente rock and roll, niente psichedelia, niente -o quasi- distorsioni, ma ribalta quasi assoluta per sinfonie di archi, ballate struggenti e richiami ai grandi crooner alla Dean Martin e Frank Synatra e Elvis.

Il tutto condito da testi ironici e ricchi di humour, ben sintetizzati nell’espressione “you can get me in a pack of two”, quando in una americanissima “Disposable”, Avery si descrive in tono ammiccante come un tubetto di dentifricio o un rotolo di nastro isolante.

Nulla a che vedere insomma con tutto quanto il polistrumentista australiano aveva messo su un nastro precedentemente, il che ne evidenzia la genuinità, l’urgenza cioè di fare una cosa diversa e senza compromessi. “I didn’t get a record deal until after recording the album,” ha recentemente dichiarato a DIY, “I self-funded it. It was basically me just wanting to record stuff.”

Cameron Avery – Ripe Dreams, Pipe Dream
(Anti-  Records)

Tags from the story
, ,
More from Ettore Dell'Orto

Deap Vally: chi ha detto che le rrriot girl non esistono piu?

Se sei in cerca di musica da ascoltare per distendere i nervi,...
Read More