Dal 2 novembre a Torino al via la 16ª edizione di Club To Club

ph.Andrea Macchia

Novembre è scandito ormai da più di tre lustri da un evento che si può definire immancabile, se non altro perché uno dei pochi festival di musica elettronica dai grossi numeri e dal respiro internazionale che si contano nel nostro paese. Al via infatti dal 2 al 6 novembre 2016 a Torino la sedicesima edizione di Club To Club, che si svolge in location uniche e sorprendenti nella città più regale d’Italia, coinvolgendo quest’anno anche la vicina Reggia di Venaria (capolavoro del barocco europeo proclamato nel 1997 Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco) ed avviene come di consuetudine in concomitanza con la Contemporary Art Week torinese. Quasi 50 artisti provenienti da 15 paesi del mondo si daranno appuntamento nel capoluogo piemontese, con 17 act in esclusiva italiana, pratica di consuetudine per C2C. 

ph.Andrea Macchia
ph. Andrea Macchia

Fra i protagonisti della sedicesima edizione del festival spicca Junun, progetto creato dal compositore Shye Ben Tzur insieme a Jonny Greenwood – polistrumentista dei Radiohead, tornati quest’anno sulle scene con il nuovo album ‘A Moon Shaped Pool’ – e all’ensemble indiano di nove elementi Rajasthan Express, per la prima volta nel nostro paese. L’intensità di Jon Hopkins troverà stavolta la sua espressione solamente sotto forma di dj set, e senza dubbio non deluderà il rock estremo, dissonante ed ipnotico proposto dagli storici Swans di Michael Gira, che con il nuovo album ‘The Glowing Man’ hanno firmato l’ultimo atto discografico della band così come la conosciamo. Torna anche il mancuniano Andy Stott sulla scia di un altro album di abbagliante fascino come il nuovo ‘Too Many Voices’, e Laurent Garnier, da sempre un fuoriclasse nell’interpretare la musica elettronica più innovativa e ispirata, senza dimenticare Motor City Drum Ensemble, uno dei DJ di riferimento assoluto quando si parla attualmente di house music di qualità. Aggiunto recentemente alla line up del festival anche Nick Murphy, conosciuto dai più come Chet Faker, che ha deciso di produrre musica sotto il suo vero nome. Non vogliamo infine dimenticare le contaminazioni sonore del nostro Populous nazionale.

Tra gli act in esclusiva spicca DJ Shadow, che nel corso della sua unica data italiana presenterà il materiale del suo nuovo album ‘The Mountain Will Fall’ e rivisiterà la sua pietra miliare ‘Endtroducing…’, celebrato come uno dei lavori più importanti degli ultimi 50 anni, in occasione del 20° anniversario. Ancora, in esclusiva anche il producer venezuelano e collaboratore di Bjork Arca e lo storico duo britannico di casa Warp Records Autechre.

Rinnovata la partnership con Red Bull Music Academy, che proporrà uno stage in esclusiva italiana venerdì 4 e sabato 5 in cui sarà ricreata l’atmosfera di un club ideale nella Sala Gialla del Lingotto, uno degli spazi riconvertiti dell’ex stabilimento automobilistico FIAT. La line-up offerta da Red Bull Music Academy propone la producer e cantautrice Lafawndah e la giovanissima Toxe (di cui abbiamo già parlato nell’articolo sul lato femminile del Sonar festival) mentre Jolly Mare porterà in scena il suo omaggio alla disco italiana. Troveremo inoltre le sonorità più scure ed innovative di One Circle, mostro a tre teste composto da Vaghe Stelle, Lorenzo Senni e A:RA, e poi ancora Koreless, Evian Christ e al misterioso duo Amnesia Scanner. Tra i nomi più affermati ed attesi che calcheranno il palco della Sala Gialla, ci sono senza dubbio Daphni (il progetto dancefloor di Caribou), Jessy Lanza e Junior Boys, con le loro vibrazioni synth-pop, e l’esclusivo live di Fatima Yamaha.

Domenica 6 novembre invece torna il block party nel quartiere multiculturale di San Salvario, che quest’anno si chiamerà Dance Salvario: il progetto si sviluppa intorno a Piazza Madama Cristina, sede di un’edizione speciale del mercato San Salvario Emporium che collabora come sempre alla manifestazione. Da segnalare tra i contenuti speciali il progetto Warp to Warp, curato per Club To Club dalla storica label britannica Warp Records.

#IAMC2C

More from Roberta Bettanin

NO LUOGO. Un reportage da Berlino scattato con il nuovo smartphone Wiko Wim

Libera, generosa, lontana dalle costrizioni. Una città a gambe aperte dove puoi...
Read More