Il nostro reportage di Gomitolo Festival 2017

gomitolo festival

Un successo la prima edizione di GOMITOLO Festival, (di cui vi abbiamo parlato qui), che ha visto Urban coinvolto come mediapartner. Ecco il nostro resoconto di quel che è successo il 10 e l’11 giugno scorsi a Bra, in provincia di Cuneo:

GIORNO 1 – CANTARE

Arrivo alle 16:00, con non poco fiatone, al Parco della Zizzola. Sono in cima a una collina, immersa nel verde delle Langhe.

Prima ancora di accorgermi del palco noto un enorme fenicottero gonfiabile, i tavoli da ping pong e i calcio balilla: giusto il tempo di definire le squadre e iniziamo a sfidarci accompagnati dalle canzoni di Joe.

Dopo un’ora, e una sconfitta clamorosa, inizia a cantare Fabrizio Lodi: lui seduto su una poltrona di velluto verde in mezzo al parco, noi coricati sull’erba con una birra in mano. Intanto arrivano i Gazzelle e i Canova, ci fiondiamo nel backstage e dopo un rapidissimo giro di nomi (che neanche ascolti tanto dopo due minuti te li sei dimenticati) li accompagniamo a cena.

Sono le 20:30, siamo al secondo piano del bus che vende street food, il sole sta scomparendo in mezzo agli alberi e i Liede stanno suonando.

I Gazelle sul palco di Gomitolo Festival 2017

 

Il parco che ospita Gomitolo Festival inizia a riempirsi, i ragazzi delle band mangiano gli ultimi bocconi di hamburger e ordinano una ventina di Gin Tonic «ce li teniamo a bordo palco, non si sa mai».

Alle 21:45, con un ritardo di 40 minuti, Flavio dei Gazzelle inizia il concerto con Balena, dopo la terza canzone ci regala la cover di Per te di Jovanotti intrecciata con la sua Greta.

A fine concerto, quando tutti gli urlano «Ultimo! Ultimo!», Valerio (il tastierista) attacca con Un Giorno Migliore dei Lunapop. Canta solo il pubblico. Flavio non sa le parole, aspetta la fine della canzone fumando una sigaretta e poi abbandona la scena.

Offro un sorso di Jack e Coca al chitarrista dei Canova prima che salga sul palco accolto da un boato e poi  parte Manzarek. E’ un successo, il pubblico canta e canta così tanto che gli viene offerto il microfono, salgono sul palco anche i Gazzelle #bigfamily

Il concerto teoricamente è finito ma la mia amica si rende conto di essersi persa la sua canzone preferita mentre era al bar.

Tutto da rifare.

Sale sul palco, sussurra qualcosa nell’orecchio al cantante e in pochi secondi riparte Threesome.

GIORNO 2 – BALLARE

Il giorno successivo lo scenario è sempre lo stesso (e anche la fatica per raggiungere il parco).

Arrivo in ritardo e infatti gli Ambaradam hanno già iniziato a suonare: li trovo in mezzo al prato, sotto un gazebo che crea un insopportabile effetto serra.

Quello che fanno questi i 6 membri degli Ambaradam è del tutto diverso da ciò che propone il resto della giornata: una vera e propria jam session che parte da una base elettronica alla quale si mescolano house, techno, funky e dub.

gomitolo festival

Fichissimi, ascoltare per credere!

Alle 19:00 il parco non è ancora troppo pieno ma, non appena sale sul palco lo svedese Yourhighness si inizia a ballare. Quello che mi colpisce è che, a differenza dei soliti festival in cui si ascolta musica techno e elettronica, non ci sono solo ragazzi ma anche famiglie con bambini, passeggini, cani, gatti e simili …insomma un evento aperto a tutti!

Si fa buio, sotto la consolle si balla e non ci accorgiamo nemmeno che Mammarella da il cambio a Massimiliano Pagliara.

Tra un gin tonic e l’altro però mi ricordo che l’indomani dovrò tornare a Milano e quindi, con una puntualità che farebbe invidia a Cenerentola, a mezzanotte abbandono le danze.

Tags from the story
, ,
Written By
More from Redazione

K-Way® per Simone Guidarelli, la prima estrosa collaborazione al Salone del Mobile 2018.

Milano inaugura, il 17 aprile, la settimana dedicata al Salone del Mobile,...
Read More