Come farla innamorare con l’Hip-Hop

Avviso ai naviganti:
Questo non è il solito articolo sulle canzoni Hip-Hop d’amore per corteggiare la vostra amata, ma una spiegazione su come far innamorare la vostra anima attraverso quel movimento culturale nato negli anni settanta.

Inoltre io, non sono e non mi sento né Hitch di Willy Smith e né Giacomo Casanova, interpretato dal compianto Heath Ledger, ma proverò lo stesso a trasmettere quello che c’è dietro ad un suono ripetuto sui 4/4. Recentemente persino google, attraverso il suo doodle, ha celebrato il 44° anniversario della sua nascita.

In una delle cinque suddivisioni in cui è frammentata la città di New York c’è il Bronx e, negli anni ’70 questo posto non era assolutamente un bel posto dove vivere infatti il suo nome era usato in senso dispregiativo. Ma l’11 agosto del 1973 nel Morris Heights tra le mura dell’edificio 1520 Sedgwick Avenue era “party time”, perché la famiglia Campbell aveva preso in affitto l’intero primo piano, dando vita alla festa di compleanno per la più piccola Cindy.

Perché un party riesca ci vogliono almeno due donne per ogni uomo, infatti, il padre Campbell fece pagare ogni ingresso la metà a ogni signorina. Ma per quale motivo bisognava pagare l’ingresso a una festa di compleanno? Già, perché?

Perché c’era l’altro suo figlio sedicenne, Clive, che era letteralmente un genio per il suo approccio alla musica. Suonava con un mixer e due vinili che vanno in coppia, sono lo stesso identico disco che si esprimeva contemporaneamente ma mentre erano in play, lui stesso, isolava i bassi e le percussioni, creando i cosiddetti “Breaks”.

Queste parti destrutturalizzate che venivano rimandate indietro in loop formano un altro e un vero e proprio brano diverso dal precedente. Ecco, Dj Kool Herc aveva dato inizio a qualcosa di epico e aveva messo giù i primi appunti per il campionamento. Negli anni però l’Hip-Hop, divenne non un solo e semplice genere musicale ma un movimento culturale grazie all’unione dell’arte nei graffiti e della danza nella breakdance. Se mai vi piacesse Fabri Fibra o Ghemon o Ghali o la DPG o Bassi Maestro o Eminem o Kendrick o mille altri, magari un grazie a Kool Herc sarebbe di dovere.

“The Bronx is famous for two things.
Hip-hop, and 26 world championships. “
cit. Kurtis Blow 

Ma per farsi che la nostra lei s’innamorasse di tutto ciò, dobbiamo restare nel concetto di “breaks”.
In teoria è un po’ come quando siete davanti a una bella donna, in questo caso un disco, e la stata ascoltando mentre vi parla ovviamente cercando di non perde l’attenzione sulle sue labbra o sul suo corpo.

L’hip-hop è stato, l’unico genere musicale che racchiude dentro di sé un altro genere, cioè mentre ascolti un brano c’è un altro brano al suo interno. Quindi usando delle parole banali diventa così: per fare una “base” occorre trovare o conoscere un altro brano da utilizzare per comporla.

In sostanza quando ascolti un brano Hip-Hop è come quando sei con la tua lei e inizi a spogliarla lentamente per assaporare ogni istante di quel momento, come il vestito che scivola a terrà, le dita che sentono i ricami dell’intimo e la sua composizione, il profumo dell’eccitazione e della pelle libera da tessuti.

Ogni base deve essere spogliata per provare l’amore che si cela dietro questo genere.

Prendiamo come esempio Ms. Fat Booty di Mos Def (brano in alto), il produttore Ayatollah ha campionato delle parti del brano “One Step Ahead” di Aretha Franklin, un singolo raro pubblicato dalla Columbia nel 1965. C’è la batteria presa da un’altra parte e vari spezzoni di suoni presi dal brano che vi ho citato incastrati come le migliori posizioni del kamasutra per arrivare all’orgasmo.

Qui emerge la cultura del “disco” e il background di un produttore che è 10 volte superiore a un musicista che conosce un solo  strumento. Oggi più che mai, visto che la musica in ogni genere è in continua evoluzione, questa cosa è molto importante.

La ricerca del sample e questa voglia di trovare il suono perfetto sui quattro quarti sta piano piano svanendo, perché la musica è diventata quasi frivola, come l’amore attuale ai tempi dei social network, contano più i like presi che quello che c’è dietro.

Provate ad ascoltare un brano Hip-Hop in questo modo e ditemi se tutto diventa completamente diverso come quando t’innamori per la prima volta.

Tags from the story
, ,
Written By
More from Stefano Nappa

La Top video degli artisti da non perdere al Woodoo Festival

Il festival organizzato dall’Associazione Culturale Le Officine in collaborazione con il Circolone...
Read More