V3Raw, da Cuneo a Milano il primo locale di “cibo vivo”

la colazione V3Raw di Milano
Breakfast time al V3Raw di Milano

Aperto il 9 dicembre 2015, V3Raw, primo locale a Milano di “cibo vivo”, compie un anno.

V3Raw è la seconda apertura per Edoardo Franchini e i suoi soci, che hanno deciso di fare il loro primo esperimento a Cuneo, città in cui i loro parenti possedevano già un gelateria, all’interno della quale hanno poi deciso di sviluppare il loro ristorante.

solo cibo "vivo" al V3Raw di Milano

Come Edoardo stesso ci spiega, il nome V3Raw corrisponde precisamente all’unione di tre concetti, che sono quello di vitality, dei tre simboli delle molecole di proteine, carboidrati e vitamine, e della materia prima grezza utilizzata per il design interno del locale, come la pietra, il ferro, il legno e il cemento.

Come nasce V3Raw?

V3Raw nasce da un esigenza personale di nutrirsi in maniera differente per avere una vita più sana. Abbiamo sempre cercato un locale che, anche fuori casa, potesse garantirci un alimentazione sana ed equilibrata, adatta a chi come noi fa sport, ma non abbiamo mai trovato niente. La passione per la giusta alimentazione e nutrizione, che abbiamo sempre avuto, unita al corretto allenamento sportivo, ci ha fatto nascere questa idea.

Qual’è il concetto base di questo progetto?

Non c’è un solo concetto base, ma ce ne sono diversi. Parte da un’idea sportiva e musicale, dall’idea di benessere, attorno al quale ruota tutto e che automaticamente si riconduce al food e al rispetto per l’ambientale. Svolgiamo una continua ricerca di lifestyle volta al miglioramento della vita e dell’ambientale, tant’è che i nostri packagings sono tutti biodegradabili.

Avete svolto degli studi a riguardo?

Abbiamo svolto dei test negli anni per poter sviluppare il progetto, che ci hanno portato a documentarci, il tutto affiancati dall’ausilio di un professionista, un nutrizionista con cui abbiamo sviluppato l’intero menù, che chiamiamo Functional Menù, in cui si sceglie il proprio pasto in base alla funzionalità degli alimenti.

solo cibo "vivo" al V3Raw di Milano

V3Raw parte da un’idea sportiva e musicale, dall’idea di benessere, attorno al quale ruota tutto

I vostri prodotti?

Proponiamo per il 90% alimenti vegetali biologici di stagione. Dico il 90% perché purtroppo non tutti sono sempre reperibili o alle volte hanno un prezzo che non possiamo sostenere e che non ci permette di garantirne l’intera percentuale. Il nostro menù comprende estratti di frutta e verdura, smoothies, functional salad, zuppe, dolci e yogurt fresco, che produciamo noi stessi al locale con il latte delle mucche della Valtellina o latte di soya biologica, arricchito con le nostre ricette. Abbiamo caffè, cold drink, latti vegetali e matcha. Le nostre insalate, sono bilanciate secondo il loro rapporto bio-calorico. Ognuna ha la propria funzionalità, garantita dal nostro nutrizionista.

La filosofia.

Il cibo è il nutrimento del corpo, la musica e il design sono quello della mente. Volevamo ricreare un ambiente che rappresentasse il concetto di benessere a 360 gradi. Si parte dallo sport, che bisogna praticare per avere una vita sana. Si deve mangiare bene, ma soprattutto mangiare in maniera diversa in base alla funzionalità del proprio corpo. Un ambiente in cui potersi rilassare, che offra il giusto equilibrio tra musica e design, appaga invece la mente. Il nostro design è minimal. La musica è studiata in base ai battiti cardiaci che essa produce al minuto. Volevamo ricreare un luogo che noi definiamo “terzo spazio”, in cui il cliente può sostare anche la giornata intera a lavorare, leggere, studiare o a fare riunioni, con quella giusta attenzione ad elementi che stimolano la concentrazione e creatività.

Chi sono i vostri clienti?

Ci riferiamo a tutti gli amanti del benessere, agli sportivi e a chi vuole iniziare a condurre una vita più sana. A chi sta cercando un nuovo modo di mangiare.

V3Raw / via Spallanzani angolo viale Regina Giovanna  / Porta Venezia / Milano 

Written By
More from Marco Cresci

Palace intervista al leader: le scosse che alimentano Leo

Dopo tre anni passati a suonare in giro, facendosi le ossa, i...
Read More