BREAD & BUTTER BY ZALANDO, CHI LO AVREBBE MAI DETTO?

Nato nel 2001 a Koln, il Bread & Butter è divenuto subito il place to be della moda, successivamente spostato a Berlino dove ha quasi rischiato di estinguersi è stato salvato dal colosso europeo dello shopping Zalando.

di Roberta Bettanin

bread and butter 2016 a berlino grazie a zalando
Puma al Bread and Butter 2016

Zalando ha legato il suo nome a Bred & Butter per creare un evento sponsorizzato durato 3 giorni che si è proposto più come festival che come fiera. La manifestazione infatti si è tenuta all’Arena, uno spazio multifunzionale che al suo interno accoglie aree adibite alle esposizioni, un club e addirittura una piscina galleggiante sul fiume Spree, in un clima festoso, giocoso e colorato ben distante da quello che è il classico evento di settore.

Per la prima volta aperta al pubblico che poteva accedere tramite l’acquisto di un biglietto, ha trovato il modo di essere attraente non solo per i prodotti esposti, ma anche grazie alla collaborazione con Boiler Room, la famosissima piattaforma di broadcasting online che trasmette streaming di set elettronici da tutto il mondo, che ha permesso alla manifestazione di diventare un vero e proprio festival musicale – sempre trasmesso in diretta ovviamente – con una line up non particolarmente ricercata o coraggiosa – tra tutti ricordiamo volentieri i live di Fatima & The Eglo Live Band e quello della statunitense Angel Haze – ma che ben si intonava con la prima edizione di questa rivisitazione del Bread & Butter.

Zalando, del tutto consapevole della trasformazione che sta subendo la moda e il modo di viverla, è riuscito perfettamente a fare il punto di quella che ormai è la tendenza, cioè quello di portare l’evento moda a un livello pop, e in questo caso di ribaltarla, cioè permettendo alla moda pop di ascendere a un livello più alto. Abbiamo visto infatti in scena le passerelle di Puma, Selected, Topshop, brand fino a qualche anno fa si sarebbero potuti etichettare come “pronto moda” elevati al rango di collezioni da fare sfilare in veri e propri fashion show accompagnati dalle performance live di DJ o band, come ad esempio la sfilata conclusiva di Zalando “This is Now” che ha visto al centro della scena l’esibizione live dei Singtang o quella di Clara 3000 durante lo show di HUGO.

bread and butter 2016 a berlino grazie a zalando
people @ bread & butter 2016

Bellissima l’area all’aperto, che grazie alla possibilità di usare la piscina del Badeschiff durante il giorno e alla presenza della spiaggia con la sabbia, di un bar e un palco esterno aumentava ancora di più la sensazione di trovarsi in un luogo di divertimento.

In tutto questo non è mancato un particolare occhio di riguardo nei confronti della cultura street food berlinese, con la presenza di numerosi punti di ristoro che includevano burgers, burritos, cucina taiwanese e gelati, tra gli altri, tutti provenienti dai ristoranti più hype del momento.

Probabilmente alla “gente della moda” una volta arrivata lì, si sarà accapponata la pelle nel vedere un concetto da sempre elitario declinato in una gran festa dall’animo giovane e moderno, attenta ai trend dello street lifestyle, che parla il linguaggio di quella che poi è la sua maggiore audience. C’è la speranza, invece, che questo sia l’inizio di una nuova tendenza e che molti brand seguano la strada proposta da Zalando.

 

Written By
More from Marco Cresci

Bless Yourself and genuflect! Freitag porta il suo confessionale alla Milan Design Week

Markus e Daniel Freitag, i due fratelli graphic designer che nel 1993...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 8 =