X Factor generation – intervista a Eva della categoria Over

Eva Pevarello, la tatuatrice di Thiene

Per Eva Peverello, 26 anni, la vita è una giostra non è una metafora. Figlia di giostrai, è passata da una malattia, l’ha sconfitta e adesso ha davvero le idee chiare su quello che vuole.«Avevo due sogni, fare la tatuatrice di mestiere e la cantante». Il primo è stato realizzato. Per il secondo la sua titolare l’ha iscritta a X Factor. Oggi gareggia nella categoria Over insieme a Silva Fortes Andrea, clicca i nomi e leggi le loro interviste.

COSA VUOI DIMOSTRARE SUL PALCO?

Prima di rispondere mi guarda negli occhi edice – A me di vincere o arrivare in finale nonmi interessa, davvero. Quello a cui tengo unsacco è non far figure di merda – si mette aridere e spiega – nel senso che mi interessa tantodare il massimo, posso anche uscire alla primapuntata ma devo aver dato tutto e non devo avererecriminazioni. E soprattutto spero di crescereperché non ho studi alle spalle. Stare qui con deiprofessionisti che ti seguono è esaltante.

QUANDO HAI SCRITTO IL TUO INEDITO CHE HAIPORTATO ALLE AUDIZIONI?

Circa un mese prima. Non sapevo ancora nulladi X Factor. È un anno che sono guarita e quindirelativamente poco – non sembra abbia voglia diparlare di quello che ha passato ma il suo ineditoha colpito me, i giudici e il pubblico, che alla suaesibizione si è alzato in una stupenda standing ovation.

QUAL È STATO IL TUO RAPPORTO CON LA MALATTIA?

Prima di rispondere sospira – Eh, intenso. Ho sofferto parecchio – si morde il labbro inferiore, ricordare quei momenti le fa male e si vede -sono riuscita a superare questo periodo grazie ai miei genitori e ai miei amici che sono stati fondamentali. Ti domandi perché a te ma non c’è nessun motivo.

Eva Pevarello, la tatuatrice di Thiene
Eva Pevarello, la tatuatrice di Thiene

I TUOI GENITORI TI SONO STATI VICINI?

Certo. Io amo i miei genitori e ho un rapporto davvero molto bello, ci sono davvero moltolegata. Poi sono figlia unica – lancia uno sguardoverso l’alto e respira profondamente – e quindiho sempre avuto loro al mio fianco, ogni giorno.Per me la famiglia è il valore più importantedella vita. Mia mamma adesso è modellistamentre mio papà è un pittore.

QUAL È STATA LA TUA PRIMA COTTA MUSICALE?

Il primo ricordo musicale che ho è The Walldei Pink Floyd. Mio papà da piccola per farmiaddormentare mi faceva sempre ascoltare i PinkFloyd altrimenti non riuscivo a chiudere gliocchi.

ALLE AUDIZIONI HAI DETTO CHE UN TATUAGGIONON DEVE AVERE PER FORZA UN SIGNIFICATOE CHE PER TE È UNA FORMA D’ARTE. C’ÈQUALCHE TUO TATUAGGIO CHE NON HA ALCUNSIGNIFICATO? E UNO CHE RAPPRESENTA LAMUSICA?

È vero. La gente pensa che un tatuaggio deveavere per forza un significato particolare. Per meinvece sono delle opere d’arte e mi fa piacereaverle sul mio corpo e mostrarle. Poi se vuoiun significato lo puoi trovare sempre anche aposteriori ma questo – si alza il gonnellino emostra una parte della gamba senza alcun timoreo imbarazzo e indica un vaso con delle roserosse – l’ho fatto solo perché mi piaceva. È bello.Per quanto riguarda la musica ho un tatuaggiocon il cuore anatomico e il grammofono.Significa proprio la musica nel cuore.

DIMMI UN TUO SEGRETO:

Aiuto. Che segreto ti devo dire? – ci riflette perqualche secondo – Allora, davanti a casa miaci sono le piscine comunali – si mette a ridereprima di finire la frase, quei ricordi la divertonoancora molto – e qualche anno fa, di notte,entravo sempre di nascosto.

COS’È LA GIOSTRA PER TE?

Rappresenta la mia vita, la mia infanzia. Hovissuto tanto tempo nei Luna Park, nellaroulotte, lo spettacolo itinerante. Ho imparatoche lo show qualsiasi cosa succeda deve sempreandare avanti.

Written By
More from Fabio Fagnani

Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar: che cosa ci aspetta? #DontCallMeNerd

Buono il primo, ok il secondo, così cosi il terzo e male...
Read More