Toodog torna all’età della pietra

toodog nuova linea sneakers

Il brand presenta una nuova linea, la Toodog® Rough Ride Signature, sneakers realizzate in tessuto canvas dall’aspetto used ottenuto attraverso trattamenti naturali top secret che puntano a valorizzare il rapporto diretto tra le persone.

In un mondo 2.0, l’antibrand, com’è maggiormente corretto definirlo, punta quindi sull’assenza di negozi e di collezioni vere e proprie, svolgendo così un percorso al contrario in confronto a quello che il mercato richiede oggi e mettendo in luce il ruolo del cliente finale e del prodotto, a discapito delle logiche affermate che, secondo Toodog, assoggettano.

Non a caso il suo motto afferma: “Qualcuno ama vederti correre. Qualcuno ama vederti saltare. Qualcuno ama vederti ballare. Noi amiamo vederti per come sei”, che non delinea però quanto sia stato complicato osare e mantenere saldi i valori dell’azienda dopo 14 anni, se non affiancandolo a un’altra frase che da sempre segna il percorso di queste calzature, quella del filosofo Seneca: “Molte cose, non è perché sono difficili che non osiamo farle, ma perché non osiamo farle che sono difficili.”

Come spiega Gianluca Piroli, titolare e designer del brand: “Rough Ride, un viaggio difficile. Difficile perché, abbiamo deciso di utilizzare la strategia più dura che si potesse percorrere, parlare direttamente con i nostri clienti, niente intermediari, diritti al sodo, nessuno showroom, nessun agente e negoziante, siamo tornati all’età della pietra con questo prodotto. In una società massificata il vero lusso è poter avere degli oggetti che siano dei pezzi unici e difficili da trovare nei canali distributivi convenzionali. Non c’è modo di avere i nostri prodotti se non contattandoci direttamente.”

 

Cinque le tonalità e cinque i viaggi proposti da ogni singolo modello della linea Toodog, dalla Colombia al deserto del Kalahari, dai mari del sud all’Oregon fino all’europea Amsterdam, concludendo con un unico e grande viaggio, quello all’interno dei diritti umani, a supporto dei progetti ONLUS sulla tolleranza e dei bambini in paesi quali Africa e Tibetan.

Perché fare shopping non può essere solo comprare qualcosa che piace, ma credere, anche e solo in un’idea.

Written By
More from Francesca Ortu

THE NAKED TRUTH, la mostra di Polaroid emozionale

Prima di intervistare lui, Christian Boaro, designer di moda, nonché artefice delle...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − tre =