La corsa notturna di James Blake e i videoclip della settimana

Il ritorno a sorpresa di James Blake ci ha letteralmente spiazzati, accompagnato da un videoclip diretto da Alexander Brown, “If The Car Beside You Moves Ahead”, è tra le migliori visioni che siano capitate da inizio anno.
La resa della corsa notturna di James Blake al volante di un’auto, è un’esperienza visiva di elevata aderenza tra musica e immagini, tra il ritmo dello spettro elettromagnetico, la melanconica essenza soul dell’artista londinese e la sua ritrovata vena più sperimentale, tra le luci fuori e quelle che si riflettono sulla carrozzeria della sua Corvette nera, che si sfaldano sul finale in catodiche forme d’onda.

Un’idea semplice e vincente, proprio come successe con il videoclip di “The Wilhelm Scream”, sempre diretto da Alexander Brown, dove riuscì a ricreare le suggestive sfocature sonore, e di copertina, del suo debutto omonimo del 2011.

Quel tramonto sulla collina

A proposito di esperienze crepuscolari e immersive, facciamo un salto complementare, per via della totale staticità delle immagini rispetto alla corsa precedente, nell’ultimo videoclip del cantautore statunitense King Tuff.

 

LEGGI L'ULTIMO NUMERO

DOVE TROVARE URBAN MAGAZINE

 

Diretto da Cameron Dutra è una camera sul profilo di una collina al tramonto, dove piano piano, tra spostamenti laterali e zoom, si prende visione di alcune silhouette in controluce che ci portano a una danza e il canto melanconico di Kyle Thomas al piano che ha ritrovato nel videoclip l’esatta rappresentazione della salita verso la collina della creatività.

Gli abusi sessuali di Jenny Wilson

RAPIN*” è l’ultimo singolo dell’artista svedese Jenny Wilson, affidato alle animazioni di Gustaf Holtenäs. Descritto dallo stesso regista di stanza a Malmö come il suo progetto più ambizioso, e con uno sguardo al mondo di Akira, il videoclip prova a dipingere l’abuso sessuale in un racconto per immagini che sviscera in tempo reale parole e musica di Jenny Wilson. Frutto di un lungo incontro tra i due, risalente già allo scorso anno, si sono ritrovati con un videoclip molto forte in coincidente sintonia con una stagione segnata dall’esposizione mediatica del movimento #MeToo.

Tags from the story