Il parallelismo imperfetto di VictorVictoria

VictorVictoria

Uomo e donna. Due universi opposti, differenti, legati costantemente tra loro. Paralleli.

Queste le qualità che hanno portato l’imprenditore Sergio Tegon a acquistare il marchio di moda VictorVictoria, nato alla fine degli anni Ottanta.

Qualità comuni, da sempre svelate dal concepimento dei due generi di riferimento, ma viste secondo una nuova luce, quella di VictorVictoria, secondo la quale, per merito del loro naturale e costante confronto trovano a vicenda delle inaspettate corrispondenze di stile, affermando un nuovo equilibrio che mette in discussione i confini marcati fino ad ora. Una nuova visione quindi, segnata da un parallelismo imperfetto, quello tra moda maschile e femminile.

Design minimal. Geometrie. Pulizia delle linee. Eleganza discreta. Sartorialità. Atemporalità.

Il guardaroba dell’uomo e della donna si contaminano a vicenda. La vestibilità di entrambi viene rispettata per non snaturarli e per non snaturare i capi. Gli eccessi vengono eliminati.

La formula matematica di riferimento è 2+2=4, che fa intendere la semplicità e logicità dello studio alla base del brand. Così come lo studio della collezione VictorVictoria fall winter 17/18, essenziale ma strutturata.

VictorVictoria

È il racconto di un’epoca che costantemente ritorna e si evolve. Il minimalismo metropolitano dei primi anni Novanta assume una nuova estetica, contemporanea, spesso androgina.

I tagli sono over e morbidi. Protagonisti indiscussi attorno ai quali si struttura l’intera collezione invernale sono la camicia bianca, i blazer e i pantaloni. Una linea senza fine, funzionale, senza scadenza per merito della versatilità dei suoi capi, intramontabili, e della qualità dei suoi tessuti, pregiati, selezionati appositamente per essere distintivi.

I colori sono quelli del bordeaux, del blu e del verde salvia, che fregano la scena al nero, impreziositi da capi in grigio e oro che spezzano i toni e gli outfits. Pellicce e gonne a ruota bon ton per lei. Chiodo in pelle e bretelle per lui. Trench e cardigan hanno le stesse fantasie.

I capi di lei si rispecchiano perfettamente con quelli di lui e viceversa, mantenendo delle analogie evidenti che mantengono viva l’anima del brand.

Storia, moda e filosofia rivivono, tramite una visione ricca di personalità, quella di VictorVictoria.

VictorVictoria

Tags from the story
, ,
Written By
More from Francesca Ortu

Giorgio Armani, lo stilista outsider

Considerato il Re della moda, Giorgio Armani sfila a Parigi il 4...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette + 8 =